Il Paese Nero / Black ItaIy
Borgo del Ponte è lo scenario di una marginalità emotiva, lontano poche decine di metri rispetto al centro - Massa - da cui si è appartato. Nel Borgo sono sparse alcune delle strutture attraenti che attivano la narrativa legata allo spostamento sul territorio: l’arco, la fonte - il ponte - le apparizioni sacre. Un sistema ora fermo in una condizione di assenza come di desiderio popolare di altre storie.

Una sospensione in attesa di possibilità diverse: assecondare la malinconia del rallentamento come cercare riscritture contemporanee di ritmo differente; abbandonarsi all’estetica di una nuova presenza naturale come a quella di una particolare sofferenza sociale.

La sezione arte contemporanea di Cantieri Aperti a cura di Carolina Gestri e Gabriele Tosi ha provato immaginari periferici o in corso di oblio come forme narrative che possono occupare lo spazio di Borgo del Ponte in un campo sentimentale tra malinconia e eccitazione, entrando nella riscrittura amministrativa e progettuale del territorio.

Il documentario di Riccardo Giacconi sull’utopia di Milano 2; le registrazioni notturne di supervocalist nelle discoteche italiane di fine millennio nella ricostruzione di Caterina Erica Shanta; ASAP il fondo libraio a tema futuro raccolto da Lia Cecchin, descrivono l’ambizione di alcune previsioni, come il fallimento di altri immaginari dedicati ad un futuro desiderato decine di anni fa e poi irrealizzato o sorpassato da attualità meno eccitanti.

La struttura della cronistoria alternativa è stata ridotta da strumento letterario o di propaganda politica ad una condizione sociale di non allineamento - inevitabile - tra linee temporali divergenti di desideri ed ambizioni personali e di linee ufficiali degli eventi.

La versione di Una comunicazione magnetica con la natura costruita per Cantieri Aperti ha selezionato produzioni televisive della metà degli anni ’70, apparentemente meno radicali rispetto al carattere di altre che hanno raccolto entusiasmo al tempo, ma il cui contributo ad una idea di futuro si è rivelato resistente quando generato da relazioni arcaiche tra uomo e territorio.

CANTIERI APERTI V EDIZIONE, Borgo del Ponte, Massa (MS), 8 settembre 2018

Festival ideato dalla compagnia teatrale Semi Cattivi

Direzione artistica e organizzativa:
Franco Rossi

Amministrazione e contatti:
Stefania Gatti

Comitato curatoriale:
Carolina Gestri, Alessandra Franetovich, Giulio Saverio Rossi, Gabriele Tosi

CANTIERI APERTI, Intervista con i curatori, ATP Diary, Lisa Andreani
Add your comments:

5 + 2 + 3 =
Send