Il Paese Nero / Black ItaIy

Il progetto, dall’architettura al territorio, può essere analogo alla produzione audio. Una relazione tra abbandono, ascolto e progetto si definisce attraverso questa sequenza:

-    l’abbandono del sistema dei piccoli paesi italiani ha uniformato i desideri delle persone su immaginari urbani;

-    una ricerca dedicata all’abbandono delle aree interne è allora un esercizio di rottura di formati emotivi e narrativi consolidati;

-    l'abbandono genera una condizione sonora – un nuovo silenzio - che apre il campo a pratiche di ascolto e registrazione;

-    in questo campo le azioni di progetto possono cercare una attitudine al fuori formato attraverso una analogia alle pratiche di produzione audio (il montaggio e la sovrapposizione di tracce) per generare strumenti complessi di gestione del territorio.

La campionatura, il montaggio in una sequenza, la sovrapposizione di sequenze sono pratiche di progetto; hanno la natura filologica delle azioni che partono dall’ascolto e dalla registrazione, come l’attitudine al fuori formato del montaggio di tracce multiple.

La relazione tra progetto e pratiche audio può essere descritta da un archivio di ricerche e azioni.

1#
Blauer Hase: Helicotrema, Paesaggio

Blauer Hase è un collettivo artistico che dedica alle sequenze audio registrate e al territorio due produzioni periodiche: il festival Helicotrema (sesta edizione nel 2017) e la rivista Paesaggio (dal 2010).

Helicotrema

‘Helicotrema è un festival che presenta un programma di opere sonore di artisti e autori internazionali. Utilizzando le modalità di un festival di cortometraggi cinematografici, le opere saranno presentate in diverse sessioni di ascolto collettivo. L'evento è curato da Blauer Hase in collaborazione con Giulia Morucchio.

Il festival si svolge attraverso diverse sessioni di ascolto. La declinazione spaziale del luogo (posizione del pubblico, impostazioni di illuminazione, impianto audio), è interrogata ed esplorata in modo diverso per ogni sessione. Il pubblico si posiziona nello spazio e fa esperienza di una selezione di opere sonore. Ogni sessione, come nei festival di cinema, è introdotta da una breve introduzione e seguita da un momento di discussione sulle opere presentate, spesso in presenza degli autori stessi.

Il festival si pone come obiettivo di indagare la possibilità di un ambiente e di una forma di ascolto collettiva, come accadeva nei primi decenni delle trasmissioni radiofoniche. In che modo le modalità di ascolto collettivo possono essere riattivate nella società contemporanea? Come può essere declinato lo spazio per tale ascolto? Helicotrema intende riflettere sulla morfologia stessa di questo ascolto, in una nuova forma di fruizione che non coincida con la forma concerto e che sia più vicina alla forma della proiezione cinematografica.

Quando la televisione ha cominciato a diffondersi all'interno del contesto domestico, le trasmissioni radio, come il radiodramma e i differenti generi a esso collegati – come il teatro radiofonico e il radiofilm – hanno progressivamente perso il loro pubblico e i momenti di ascolto collettivo sono andati via via sparendo. Nel campo dell'arte contemporanea e, in qualche misura, del teatro contemporaneo, nell'ultimo decennio si è assistito ad un graduale ritorno di interesse per le forme di audiodrammi, audioteatro, documentari audio e vari tipi di formati basati solo su un componente acustica.’

Paesaggio

Ogni numero della rivista è formata da una collezione di paesaggi composti dai contributi offerti da artisti diversi in forma di testo secondo la formula - vicina ad una delle sensibilità de Il paese nero - del testo sparso sul territorio come nelle figure dei rebus.

L’attenzione alle sequenze audio registrate e al territorio trova sintonia con i sentimenti analoghi dei partner che hanno ospitato le sessioni di Helicotrema: Centrale Fies (WORLD BREAKERS, Drodesera XXXVI, 22.07 - 30.07.2016, il festival che insieme ad altre istanze ha generato il nome di questa piattaforma) e la Biblioteca universitaria IUAV dei Tolentini.

NERO Magazine, HELICOTREMA 5 at World Breakers, Centrale Fies, Dro